Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM)

  • Stampa

Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - ProgettoDescrizione dei luoghi.

L'edificio si colloca in un lotto di terreno posto tra due vie di comunicazione locale all'interno del Centro Urbano (Via Cavour e Via D'Annunzio), attualmente risulta libero per la quasi totalità, fatta esclusione per un manufatto precario in lamiere utilizzato come deposito e rimessa attrezzi.

L'area presenta alcuni alberi di ulivo per i quali si prevede l'espianto e la rimessa a dimora al momento del completamento delle opere.
Il terreno è in declivio da Sud-Ovest verso Nord-Est, con un dislivello in senso Ovest Est di circa ml. 6,00, mentre dal limite superiore localizzabile nell'angolo Sud-Ovest il dislivello risulta pari a ml. 7,50 circa.

Descrizione delle opere in progetto.

Le opere in progetto sono finalizzate alla realizzazione di un edificio monofamiliare che si sviluppa in unico piano con l'utilizzo parziale del sottotetto.Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - Progetto

Le caratteristiche dell'edificio, disposizione, rapporto vuoti/pieni, masse murarie sono definite da un'impostazione basata sui principi della bioarchitettura, pertanto l'orientamento diventa elemento fondamentale per la disposizione dei volumi e degli ambienti interni, al fine di consentire un bilancio energetico dell'intero edificio che gravi il meno possibile sulle energie non rinnovabili.
Si prevede infatti il massimo sfruttamento dell'energia solare; le masse murarie, al fine di garantire una buona qualità della vita interna all'edificio, sono stratificate in funzione della minima dispersione, le aperture sono tengono anch'esse conto dell'orientamento e dove esiste il rischio dell'effetto serra si prevede la schermatura con superfici porticate e "brise soleil", tali accorgimenti limiteranno l'uso di combustibili tradizionali che sono non rinnovabili e altamente inquinanti nei residui ciò durante tutto l'anno.
La forma dell'edificio scaturisce dai principi sopra indicati e si configura come unità abitativa raccolta intorno al giardino di cui sfrutta i benefici effetti sul microclima derivante dalle essenze arboree e dal prato costantemente irrigato nella stagione estiva utilizzando le acque meteoriche raccolte in una cisterna sotterranea.
La configurazione planimetrica del Piano Terra deriva la sua impostazione tipologica dalle residenze di epoca imperiale che, nell'antica Roma, ponevano il compluvium come elemento centrale della residenza, quest'ultima si sviluppava intorno ad esso su un quadrilatero di forma regolare.
Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - ProgettoIl piccolo giardino centrale, circondato dal portico, nascondeva la cisterna di accumulo delle acque piovane che fornivano, previa decantazione, la principale risorsa idrica nei luoghi non raggiunti dal perfetto sistema di distribuzione funzionante all'epoca.
Il giardino e la presenza di fontane con acqua corrente svolgevano una funzione di regolatore climatico.
Lungi dal pensare di raggiungere la perfezione di questo periodo storico si è tentato, nel rispetto della normativa vigente (disattenta ai temi posti all'ordine del giorno dalla moderna scienza della bioarchitettura) di avvicinarsi al modello insediativo sopra descritto riproponendo il compluvium (su due soli lati), il portico (anch'esso su due lati); il giardino a questo punto si apre sulla restante parte del lotto e si allarga fino a raggiungere la vicina strada.
La riproposizione del quadrilatero perfetto risultava impossibile per la configurazione del lotto e per le esigenze manifestate dai proprietari.Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - Progetto
Il piano terra è parzialmente interrato per la parte sud-ovest e coperto nel blocco cucina/soggiorno con un giardino pensile al fine di sfruttare la massa termoregolatrice del terreno retrostante, qui sono concentrate le funzioni abitative:

Dal Piano Terra, tramite due scale interne si accede al Piano Interrato in cui è localizzato il garage e il Piano Primo che comprende:

La disposizione dei locali al Piano Primo e la totale indipendenza di questo dal resto della casa, è dotato di un accesso separato con rampa per portatori di handicap, ne consente un utilizzo quanto mai flessibile.
L'attività attualmente svolta dal proprietario che è medico ne potrebbe richiedere un utilizzo futuro come ambulatorio medico, così come la presenza in famiglia di due bambini permetterebbe di ipotizzarne un uso a fini abitativi per un appartamento di dimensioni consistenti, anche se di qualità abitativa decisamente inferiore rispetto a Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - Progettoquello realizzato al Piano Terra.
Una divisione in duplex non risulta possibile per la disposizione planimetrica dell'edificio che comporterebbe la mancanza assoluta di indipendenza tra due potenziali blocchi utilizzati da soggetti diversi, mentre nulla vieterebbe l'utilizzo del Piano Primo per qualsiasi funzione di tipo diverso dalla residenza consentita dal P.R.G.
L'area esterna è utilizzata a giardino su più livelli al fine di evitare grandi stravolgimenti nell'andamento naturale del terreno, il fatto che il piano terra sia parzialmente interrato su due lati consente di superare bene il dislivello esistente.

Caratteri bioclimatici.

Il progetto è stato elaborato nel rispetto della conformazione naturale del terreno articolando i volumi su due livelli e utilizzando tale situazione per la climatizzazione naturale dell'edificio, stabilizzando il microclima esterno su livelli ottimali attraverso una configurazione dell'edificio tale da proteggere gli spazi esterni dai venti dominantiEdificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - Progetto e utilizzando il terreno stesso come elemento di dispersione del calore estivo e mantenimento di quello invernale.

Attraverso un solaio di Piano Terra aereato e un cavedio posto a ridosso del terreno, sul lato sud dell'edificio si consente un naturale ricambio dell'aria interna e un raffrescamento estivo attraverso la circolazione dell'aria per convezione naturale, attivata dalla diversa temperatura degli strati dell'aria.
Stesso sistema verrà attuato per il pacchetto solaio di copertura per il quale si realizzerà un sistema di ventilazione naturale tra manto di copertura in laterizio e strato coibente sottostante che verrà attivato (tramite bocchette apribili in arme poste in gronda) per il solo periodo estivo o con temperatura alla superficie del coppo superiore ai 38-40°.
Sempre per il periodo estivo si prevede l'attivazione di un "Camino Solare" disposto nel punto di snodo dei due corpi dell'edificio, tale elemento consente (utilizzando l'effetto serra attivato dalle superfici vetrate disposte a Sud) di creare un flusso continuo di aria anche in assenza di vento che consente un raffrescamento naturale dell'edificio e del giardino antistante, permettendone l'utilizzo anche nei periodi più caldi.
Tali sistemi sono ottimizzati nell'utilizzo attraverso una gestione informatizzata che ne regola i flussi in funzione della temperatura esterna ed interna, impedendone l'azione penalizzante quando le condizioni ambientali porterebbero ad un'inversione dei flussi.
Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - ProgettoIl sistema di climatizzazione comprende anche una cisterna di accumulo delle acque piovane utilizzata come scambiatore termico durante tutto l'arco dell'anno a servizio di una pompa di calore.
La copertura del blocco cucina/soggiorno è costituita da un giardino pensile con un manto di copertura di circa cm. 80 di terreno vegetale, anch'esso con funzione termoregolatrice come la soluzione di interrare l'intero lato ovest dell'edificio.
Riscaldamento a pavimento Piano Terra e a parete al Piano Primo.
Massa termica per i muri perimetrali esposti a nord e ad ovest, schermatura per le superfici vetrate esposte a sud e ad est.
Sistemi fotovoltaici per i corpi illuminanti esterni e parte di quelli interni, predisposizione della copertura per essere trasformata in fotovoltaica.

Elementi di bioarchitettura.

Il progetto, nel rispetto dei principi della bioarchitettura, oltre agli accorgimenti sopra esposti finalizzati all'ottimizzazione del bilancio energetico dell'edificio, prevede l'utilizzo di prodotti naturali, escludendo in toto i prodotti chimici di sintesi, al fine di limitare quanto più possibile l'inquinamento indoor.Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - Progetto

In particolare si prevede:

Caratteri statici.

Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM) - ProgettoLe strutture di fondazione saranno su pali trivellati in c.a. di profondità minima compresa tra ml. 8,00 e ml. 12,00 incastrati per una profondità pari ad almeno tre diametri nella formazione argillosa grigia consistente, come indicato nell'indagine geologica.

L'immobile verrà realizzato per le parti interrate con struttura portante verticale in c.a. costituita da muri controterra dimensionati in conformità con la normativa antisismica vigente.
La struttura orizzontale di questa porzione di fabbricato e l'intero solaio di Piano Terra verrà realizzata in latero cemento.
La restante struttura, compresa quella relativa alle superfici porticate, verrà realizzata in muratura portante per la parte verticale e in legno con sovrastante tavolato e soletta collaborante in c.a. per quella orizzontale e inclinata del solaio di Piano Primo e di copertura.
Anche per queste strutture si provvederà al dimensionamento delle sezioni in conformità con la normativa antisismica.
I muretti di contenimento esterni saranno in c.a. con fondazioni superficiali, rivestiti in laterizio.

Particolari durante i lavori

Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM)Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM)

Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM)Edificio monofamiliare - Grottazzolina (FM)